/ News /

particolare

TERRE EMERSE

Opening giovedì 26 ottobre 2017, ore 18.00
Fino al 10 febbraio 2018

Francesca Antonini Arte Contemporanea è lieta di presentare Terre emerse, prima personale in galleria di Sabrina Casadei (Roma, 1985).

Partendo dall’esercizio di un gesto pittorico libero e istintivo, ma allo stesso tempo ponderato, la ricerca dell’artista si concentra sul trattamento del paesaggio, inteso non necessariamente come pittura dal vero, bensì come rappresentazione di forme naturali vive, fluide e in continuo mutamento.
Sono le forze invisibili ma potentissime che innalzano le catene montuose e scavano gli abissi le protagoniste del nucleo di lavori realizzati per gli spazi della galleria, che mostrano l’evoluzione dell’universo pittorico di Casadei, sostenuto da un equilibrio tra astrazione, segno e sensibilità cromatica.
Cieli in tempesta e fondali rocciosi si sciolgono in velature e accenti cromatici che si allargano sulla tela grezza, alla quale — insieme all’acrilico e al bitume — l’artista assegna un ruolo specifico, rendendola comprimaria della composizione.

Ora fluido e ampio, ora nervoso e scattante, il tratto di Casadei si muove come magma al di sotto di una superficie sulla quale scivolano e si sovrappongono le forme, in un campo aperto di forze tettoniche mosse da direttrici contrastanti. Concentrata sulla rappresentazione delle energie vitali più che sulla rappresentazione dei fenomeni della realtà, nei suoi lavori i contorni non sono delineati e le forme sono piuttosto accennate e aperte, fino al limite della loro riconoscibilità.

“Il paesaggio che risulta da questo tipo di pittura si presenta allora non come un oggetto, come un corpo inerte, come ‘natura morta’, ma, al contrario, come un corpo vivente. In tal senso la pittura, pur essendo fatta di segni immobili, riesce ad essere l’arte più vicina alla vita”. Le parole di Giangiorgio Pasqualotto nella prefazione ai Discorsi sulla pittura del monaco Zucca Amara trovano perfetta applicazione al lavoro di Sabrina Casadei, che con la tradizione cinese condivide il tentativo di cogliere l’immensa e nascosta gamma di energie che anima i paesaggi. Compito della pittura non può quindi essere quello di dominare tale energia bloccandola in schemi e figure geometriche, ma quello di rappresentare la sua potenza mostrandone la capacità di penetrare in ogni cosa e di dilagare in ogni luogo.
I lavori presentati in Terre emerse si nutrono così di immagini vive e fluenti, a dare luogo a una corrente inafferrabile che si traduce in un’estetica vitale del soffio e del respiro della vita animale, vegetale e minerale.

Francesca Antonini Arte Contemporanea is pleased to present Terre emerse, the first solo show at the gallery of Sabrina Casadei (Rome, 1985).

Stemming from the exercise of a free and instinctive, yet thoughtful, pictorial gesture, the artist’s research focuses on landscape, not necessarily meant as en plein air painting, but instead as a representation of living, fluid, and ever-changing natural forms. Her art deals with the invisible but powerful forces raising mountains ranges and excavating abysses, which are the protagonists of the works she conceived and produced for the gallery premises. The canvases on display in Terre emerse show the evolution of the pictorial universe of Casadei, supported by a balance between abstraction and sign, as well as an extreme awareness for the use color. Stormy skies and rocky sea bottoms melt in veilings and chromatic accents stretching on the raw canvas, that plays — along with acrylic paint and bitumen — a specific and pivotal role in the composition.

Sometimes watery and broad, sometimes nervous and snappy, Casadei’s brushstrokes move like magma beneath a surface on which shapes slide and overlap, in an open field of tectonic forces pulled by contrasting vectors. Concentrating on the representation of vital energies rather than on the phenomena of reality, in her works outlines are not defined, while forms are sketched and left open, to the very limit of their recognizability.

“The landscape resulting from this type of painting cannot be intended as an object, an inert body or a ‘still life’, but, on the contrary, as a living body. In this way, painting, even if made of static signs, can be the art closest to life.” Giangiorgio Pasqualotto’s words from the preface to Monk Shitao’s “Painting and Modernity in Early Qing China” perfectly suit the work of Sabrina Casadei, that shares with Chinese tradition the aim to capture the immeasurable and hidden range of energies animating the landscape. The task of painting, therefore, can’t be to dominate that energy by locking it into patterns and geometric figures, but to try and portray its power by showing its ability to penetrate everything and spread everywhere. The works presented in Terre emerse feed on living and flowing images, and show a vital aesthetics of the breath of all forms of animal, vegetal and mineral life.

Francesca Antonini Arte Contemporanea / Via di Capo le Case, 4, 00187 ROMA /  Tel. +39 06 67 91 387 / +39 06 67 95 844 / Tuesday – Friday 12.00 – 7.00 pm / Saturday 10.30 am – 1.30 pm / info@francescaantonini.it / http://www.francescaantonini.it /


LITOGRAPHIC EDITION PROJECT

Master printer Johnny Plastini with Prof. Devin Kovach / Temple University Rome /

18812364_229587864206857_9128308338826674176_n


INNATURALIA 2017

TEA ANDREOLETTI | SABRINA CASADEI | LEO GILARDI

21 Maggio 2017 / Roseto della Sorpresa

18301941_1769404426705750_7921214612981427923_n


CARS / LANDINA

Invito Landina


malerbe

MALERBE / Artist studios, Arts and Culture Division of the Federal Chancellery of Austria / Rome

Michele Tiberio / Sabrina Casadei / Simon Iurino / Tina Ribarits

24.3.2017 – 27.3.2017


HOUR INTERVIEW / STUDY FOR A LANDSCAPE

Il 29 Settembre 2016, Sabrina Casadei viene ripresa da hour interview fuori dal suo studio, fuori dal centro urbano e questa volta anche fuori da documentazioni sul fare artistico. Il video è stato realizzato con una lunga collaborazione dell’artista con il progetto, in una visione che fonde i rispettivi linguaggi. La pittrice viene ripresa immersa nel suo guardare e il paesaggio con lei al suo interno unisce terra e cielo. L’acqua, elemento molto amato dall’artista, in questa location del Lago di Canterno palesa il vertiginoso moto terrestre mentre riflette nuvole apatiche.L’intervista, ancora più silenziosa del solito, diviene un entrare nella mente dell’artista e cercare oggettivamente di cogliere parte dell’essenza della sua visione.
Sabrina Casadei affascinata dai paesaggi senza costruzioni, tanto da costruirne di visionari, ha immaginato così tanto i mai visti orizzonti nordici da portarla a vincere l’importante residenza alla Nordic Artists’ Residenze Dale in Norvegia.
Il video, presente in mostra, è stato realizzato per la sua prima personale romana dell’artista da AlbumArte. In mostra i quadri realizzati en plein air o in studio a Dale ci raccontano 2 mesi di contatto intenso con la natura selvaggia del nord Europa mentre il cammeo del video ci riporta all’artificio tecnologico.

http://www.hourinterview.eu/


 invitation

AlbumArte presenta
Residenze #2 | Sabrina Casadei | A Thousand Miles Away

An exhibition curated by Paola Ugolini

Part of the events of Fuori Quadriennale
16th Art Quadriennale Altri tempi, altri miti, Palazzo delle Esposizioni, Rome

Opening reception on Tuesday, December 6 at 6:00 p.m.
Open to the public: December 7, 2016 – January 31, 2017

AlbumArte | Via Flaminia 122, Roma

On Tuesday, December 6th, AlbumArte will inaugurate the first Rome exhibition by Sabrina Casadei (Rome, 1985), marking the second appointment with the project Residenze, curated by Paola Ugolini, showing artworks that have been exclusively produced during artist-in-residence programmes and that will be presented in Italy for the first time, in the exhibition spaces of Via Flaminia.

Casadei will present paintings realized in early 2016, during her artist residency at the Nordic Artists’s Centre Dale, one of the most important artist-in-residence program in Europe, founded by the Norwegian Ministry of Culture and located in Dale, a village in the Fjaler municipality, along the west coast of Norway. Here, the artist has found landscapes and colors she had always kept in her unconscious without ever seeing them, thus finally recognizing what she’ve been depicting forever. The colors of her works and the movement of her brush strokes, in fact, found their perfect location in the Norwegian Fjords landscape.

The first appointment of the project Residenze (AlbumArte October 11 | November 26, 2016) presented the works realized by Flavio Favelli and Gianni Politi during their artist residencies produced by AlbumArte in 2014, in Istanbul and Prague, respectively. While Favelli and Politi’s exhibition put and accent on the influence of the residency practice on the way of working of the two artists – who have indeed produced pieces that are very different from the rest of their work -, Residenze #2 offers a completely different subject for reflection; in the landscapes and paintings of her host country, Norway, the young artist have found a clear and definite confirmation of the reasons for her way of working.

Residenze #2 is part of the events of Fuori Quadriennale, 16th Art Quadriennale Altri tempi, altri miti (Palazzo delle Esposizioni, Rome, October 13, 2016 – January 8, 2017). The production is also supported by the NKD – Nordic Artists’ Centre Dale.

http://www.albumarte.org/


plakat-sabrina-web3


NKD / Nordik Artists’ Centre Dale

NKD is an Artist-in-Residence centre funded by Norwegian Ministry Of Culture. The A-I-R program encourages international contacts for artists and focuses on visual arts including design, architecture and locally rooted practice. Nordic Artists’ Centre Dale is situated in the village of Dale, the administrative centre of the Fjaler municipality on the West Coast of Norway.

http://www.nkdale.no/#artists


WHERE MY THINGS ARE


LABORATORIO DI PITTURA IN GENERE
Still Life nella tradizione contemporanea  //Tutor Lorenza Boisi

Progetto sostenuto nell’ambito dell’Accordo in materia di Politiche giovanili stipulato tra Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Gioventù e Regione Piemonte.

Flyer


LE COUVENT  Artist Residence France

Grant 2014 Award laureate
Upcoming artist residency September 3rd – October 3rd
Sabrina Casadei – visual artist – Italy

couvent-auzits

http://lecouventauzits.com/en/


Invito

SABRINA CASADEI

SMOTTAMENTI. FRANE.

a cura di Carolina Lio e Giovanni Manunta Pastorello

dal 29 Novembre all’11 Gennaio 2014

opening: venerdì 29 Novembre ore 18.30

Venerdì 29 Novembre alle ore 18.30, presso LEM Laboratorio Estetica Moderna di Sassari, inaugurerà la mostra Smottamenti.Frane, personale dell’artista Sabrina Casadei, tra gli artisti vincitori della seconda edizione del Premio ORA. Il progetto, a cura di Carolina Lio e di Giovanni Mununta Pastorello, presenterà una serie di opere inedite della pittrice romana dal percorso internazionale.

Sabrina Casadei (1985) si è laureata in pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, dove attualmente vive e lavora dopo alcuni anni trascorsi a Berlino. Le sue opere pittoriche raccontano paesaggi immaginari che traggono ispirazione dalla letteratura. Dopo una serie su Le città invisibili del capolavoro di Italo Calvino, in queste nuove opere esposte per la prima volta a Sassari, Sabrina Casadei prende come punto di partenza Nietzsche e le sue riflessioni attorno ai concetti di menzogna e di verità, l’illusione della conoscenza, l’incapacità dell’uomo di controllare la realtà e la conseguente tragedia esistenziale che ne deriva. L’uomo sembra, infatti, condannato a vivere nell’inganno, a partire dal suo rapporto con un Dio che decide di rendersi inesplicabile, passando attraverso il mistero della natura che non ci concede di conoscere a fondo neanche il nostro stesso corpo, e finendo con l’arte che essendo rappresentazione di qualcosa che già a monte non capiamo, è puro inganno. Tra tutti gli inganni però, Nietzsche salva l’arte perchè al contrario della ricerca della conoscenza, essa produce “vita” e non “annichilimento”. Nutrendosi di “simulazione”, fa dell’inganno un punto di forza e non una sconfitta.

Ma come viene rappresentato questo concetto nella pittura di Sabrina Casadei? Spiega la curatrice Carolina Lio: “La tragedia della condizione umana, viene dipinta dall’artista sotto forma di paesaggi aridi o comunque disabitati di cui il titolo della mostra descrive la sensazione di irrequietezza e instabilità. Una condizione di perenne passaggio da uno status all’altro, propria di un’umanità che si affida a conoscenze temporanee e a nuove soluzioni, trovandosi poi di fatto sempre in una situazione frammentata, di auto-illusione. Cercando salvezza o almeno comprensione, l’uomo si riversa da un’idea a un’altra, frana come terra fragile da una posizione alla successiva, non ha una solidità e una base perchè sente di vivere in un grande inganno e procede verso un’irreversibile perdita di fiducia”.

Oltre ai dipinti su carta, Sabrina Casadei presenta in mostra un’installazione in cui questo parallelismo tra il paesaggio e l’idea di menzogna diventa più esplicito. Ventiquattro piccoli disegni sono infatti intervallati da citazioni originali dall’Orestea di Eschilo – trilogia dominata dagli inganni – all’Ifigenia in Aulide di Euripide, la cui giovane protagonista viene ingannata dallo stesso padre Agamennone che la manda a chiamare promettendole un matrimonio con Achille mentre la sua intenzione è di offrirla in sacrificio al dio del mare.

Continua il curatore Carolina Lio: “Come spesso nella mitologia greca, anche in questi casi amore e morte, giustizia e inganno, sono legati da fili invisibili che per scelta l’artista decide di non rappresentare direttamente con l’elemento umano, ma con paesaggi che ne richiamano le atmosfere in modo silenzioso. In questa mostra compare spesso l’elemento architettonico dell’arena, chiaro riferimento alla tragedia, al mare a cui Ifigenia deve sacrificarsi, e all’idea della morte velata da un sottofondo di ingiustizia, di peccato e di rimorso. La terra che frana è quindi la terra dell’Aulide a cui viene chiamata Ifigenia dal padre per essere mandarla a morte”. I paesaggi dell’artista sono dunque, idealmente, il teatro di secoli di lotte e di menzogne, di tentativi dell’uomo di capire e conoscere, di cercare una giustia e un senso. Di distinguere la realtà dall’illusione. 

Aggiunge il curatore Giovanni Manunta Pastorello: L’uomo ha lasciato traccia di se nel paesaggio, lo ha modellato, lo ha integrato con le sue costruzioni. Questa volta è il paesaggio forgiato dall’uomo che lascia una traccia di se nell’artista. Lascia una traccia che diventa appartenenza, archetipo. Sabrina Casadei con la sua pittura mostra, non solo la sua appartenenza ad una terra e alla sua cultura millenaria, ma soprattutto i propri movimenti tettonici, zolle che spingono, franano in altre terre, in altre culture. Ecco cosa vedo nei suoi lavori: movimento, viaggio, tracce del suo passaggio. Appunti di viaggio di un paesaggio che ci attraversa da sempre.”

La mostra sarà visitabile fino all’11 Gennaio 2014 con ingresso gratuito. Per informazioni: gallerialem@gmail.com.

LEM LABORATORIO ESTETICA MODERNA

via Napoli, 8

07100 Sassari

http://www.gallerialem.com

gallerialem@gmail.com

Mostra realizzata in collaborazione con Premio ORA


IL VIDEO THINK CATTLEYA PER BIG SIZE ART                                            

LABROUGE presenta: Questi giovani artisti //// il video di Think Cattleya per Big Size Art

Labrouge fa qualche passo indietro … precisamente al 28 novembre, quando l’Associazione no profit Big Size Art ha inaugurato la mostra 004 nello spazio della casa di produzione THINK | CATTLEYA con 4 giovani artisti: Raffaele Barbuto, Sabrina Casadei, Edith Kia e Marco Pariani, e l’aggiunta del video artista proposto da THINK | CATTLEYA, Moreno De Turco, con il suo video, ancora oggi in mostra nello studio di via Giordano Bruno, con le sue immagini oniriche, perfette nello stile ossessivo, misterioso, scuro, ma pulito e rigoroso. Anche i dipinti e le sculture dei ragazzi sono ancora nella sede, perchè in perfetta armonia e aderenza con lo stile del luogo.

E oggi labrouge fa vedere un video che è stato realizzato proprio da Cattleya, dedicato ai giovani artisti. Oltre alle opere, ci sono anche gli artisti che si raccontano e condividono le loro idee, con dei graditi ospiti, artisti anche loro, come Thomas Berra, che fa da cicerone dopo aver aiutato i ragazzi, Giulio Zanet, Linda Carrara e Michael Rotondi.

Tutto questo è stato possibile grazie ad Alessandro Pancotti, che ha creduto nel progetto di Big Size Art e in me, sviluppandolo con ottima qualità.

Rossella Farinotti


Nss Magazine – VELUM

An invisible world #17, mixed media on paper, 11x15 cm, 2012

I paesaggi di Sabrina Casadei sono invisibili, termine apparentemente semplice, ma in realtà complesso perchè la aiuta a dire che qualcosa c’è anche se non è tangibile. Che il mondo non sia fatto solo di quello che è possibile avvertire con i sensi del corpo, è una realtà non solo spirituale, ma persino scientifica. Le nostre percezioni del tempo e dello spazio sono così limitate che è possibile che si stia vivendo in una moltitudine di attimi e di spazi nello stesso momento e che quello che tocchiamo non sia altro che materia più densa di tutto il resto. Ma non l’unica ad esistere. Strati più sottili, delicati, sospesi, sono forse imbrigliati gli uni negli altri e aspettano che percezioni più anticonvenzionali di altre li intuiscano. La mente di Sabrina Casadei va proprio alla ricerca di una materializzazione di questi livelli nascosti, troppo rarefatti per apparire eppure in un certo modo descrivibili attraverso collage di altre realtà, colori tenui e acquerellati che attuano sovversioni delle leggi fisiche del mondo. Un percorso geografico allo stesso tempo cerebrale e romantico, un viaggio nella profondità del mondo e non nella sua estensione.

(dal testo di Carolina Lio)

Sezione d’arte a cura di Patrizia Emma Scialpi

http://www.nssmag.com/velum/3569/sabrina-Casadei


GROWING IN LIGHTNESS SABRINA CASADEI and GIULIO ZANET Texts by Rossella Farinotti, Carolina Lio OPENING: May 05 | 7pm EXHIBITION: May 05 – May 18 Opening hours: Tues 2-7pm and Fri 7-10pm

Sabrina Casadei and Giulio Zanet are showing a new project in Berlin with a comparison and collaboration between each other in a new space, in a new city. This collaborative exhibition was inspired by „Invisible Cities“ written by the Italian novelist Italo Calvino.

Growing in Lightness is an investigation of the idea of a „voyage“, of the spirit and of the two Italian artists working together in a foreign city. Growing in Lightness is also a mental journey through new ideas and new ways of explaining each other together. Casadei and Zanet are stimulated by the context of a gallery and are adapting their thoughts and artistic practice – a different approach to their usual way of creation. In this exhibition, Zanet is also leaving his usual two-dimensional medium and building a kind of tent. Casadei communicates with this idea of „nest building“ by adding fluctuating drawings to the installation. The visitor is invited to view this installation in the gallery space but also to enter it and experience it from within. The collaboration between these two painters, which also suggests approaches from a male and female perspective, shows intervention and cooperation. Both in the installation and exhibited drawings and paintings, there is a first impression of lightness, but with a closer look, also an impact of strength and torment.

„Journeys to relive your past? Journeys to recover your future?“ is a quote from „Invisible Cities“ which reveals a second level of meaning to Casadei‘s strong approach to color and material and Zanet‘s clean, pure drawings as well as their collaborative installation.


Instant portrART

Instant portrArt è un progetto fotografico che coinvolge diversi giovani artisti italiani che operano nel campo della grafica: illustratori, fumettisti, urban artist, architetti, pittori, incisori.

Il progetto, consiste nel ritrarre ciascun artista, generalmente nel luogo dove lavora, con una macchina fotografica polaroid sx70, l’intervento dell’artista consiste poi nella realizzazione di un’opera dello stesso formato della foto su un supporto cartaceo che verrà successivamente applicato sul retro della foto stessa.

Si ottiene così un oggetto unico che contiene in sé l’immagine dell’artista e della sua opera colti in un preciso istante della propria vita e del proprio percorso artistico. Risultato di questa operazione, una serie di cartoline, frammenti biografici, ritratti unici e non riproducibili, tanto per l’originalità dell’intervento dell’artista quanto per le specificità delle pellicole utilizzate. In questa prospettiva l’impiego nella realizzazione del progetto di una macchina fotografica Polaroid – un oggetto/icona per la nostra generazione – si configura come l’unica possibilità di realizzare degli oggetti unici attraverso la fotografia.